domenica 1 settembre 2013

I wanna be a diva but...c'è crisi!


Ormai era passato un pò di tempo dall'ultima diva che vi avevo presentato, e chiedo venia, ma non vi preoccupate che la rubrica dedicata alle dive che furono è tornata con Dalida. L'artista nasce in Egitto da una famiglia calabrese, proprio ne Il Cairo ha inizio la carriera della futura cantante, precisamente dopo la vittoria del titolo di Miss Egitto. In seguitò tentò la fortuna in Europa trasferendosi in Francia dove fin da subito sarà notata e chiamata a recitare in numerosi film, proprio durante le riprese di uno di questi scoprirà di essere anche un'ottima cantante. Diventò presto una celebrità e i suoi dischi iniziarono ad essere venduti in tutto il territorio europeo (vinse anche un'Oscar per la musica) ed anche in Italia diventò bene presto un'illustre star. Iniziò a partecipare ai programmi televisivi del bel paese arrivando persino a comporre canzoni in italiano. A metà degli anni sessanta partecipò persino a Sanremo in coppia con Luigi Tenco, i due al pubblico si presentarono come coppia, ma durante il festival venne fuori che era una trovata discografica e la giuria, probabilmente influenzata anche da questo gossip, non fece passare la canzone alla finale. La sera dopo, Luigi Tenco, fu trovato morto suicida nella sua camera d'albergo. Dalida rimase molto shockata da questo drammatico evento, tanto che pochi mesi dopo la stessa cantante tentò il suicidio in una camera d'albergo dove aveva soggiornato con Tenco. La cantante fu salvata da una cameriera che era entrata nella stanza per rimetterla a posto. In seguito a questo triste episodio continuò a scrivere canzoni ed intraprese persino un viaggio in Nepal come percorso di ricerca interiore, ma nonostante il periodo apparentemente roseo, la cantante in realtà tentò nuovamente di suicidarsi. Dieci anni dopo questo triste episodio, e dopo aver ricevuto come premio alla carriera un disco di diamante, Yolanda (il vero nome di Dalida) riuscì a mettere in pratica la tragedia che aveva inseguito per anni: il 3 maggio 1987 si suicidò in seguito all'assunzione di un cocktail di barbiturici. In seguito alla sua morte l'Italia e la Francia piansero molto l'artista attualmente seppellita a Montmatre (a Parigi esiste anche la piazza Dalida dove è esposto un busto ad occhi serrati in memoria dell'artista che, dopo Edith Piaf, è stata la seconda cantante più importante francese). Lo scopo primario della rubrica, vi ricordo, è quello di provare ad emulare il look dell'artista con un budget massimo di 100 euro, dunque per mettere d'accordo il portafoglio e lo stile consiglio un bell'abito lungo viola con trasparenze sulle gambe e con un taglio a tonaca greca (River Island, 60 euro), al quale abbinare un paio di orecchini a cerchio placcati d'oro (H&M, 7,99 euro) ed uno scialle leopardato (Pimkie, 7 euro) da girare una volta sola attorno al collo.
Tot 74,99 euro (Il resto sono sicura che vi fa comodo...soprattutto dopo le ferie!)
Il consiglio che vi lascio riguarda il trucco, questo look sta molto bene alle pelli abbronzate o scure di naturale, cercate dunque di sottolineare le labbra (meglio se le avete carnose), non sono necessari rossetti colorati ma una matita color terra per disegnarvi il contorno delle labbra.

Dalida
Dalida di lula6 

Alla prossima settimana e...alla prossima diva!!

2 commenti:

  1. tanto bella quanto triste!!Adoro questa cantante!vidi anche la sua casa a parigi!!!!poerina!!!!
    Era però davvero sempre bellissima ed elegante, capace di unire questa sua esoticità all'eleganza francese....e il tuo outfit è a dir poco perfetto!la rispecchia in tutto e per tutto!!!!da 10!

    RispondiElimina
  2. Davvero la sua è una storia molto commovente

    RispondiElimina