lunedì 14 gennaio 2013

I wanna be a diva but...c'è crisi!!!


Vi chiedo perdono per il giorno di ritardo, ma sicuramente non manco uno degli appuntamenti più dolci e romantici del mio blog, quello dedicato alle dive, in questo caso Jacky Kennedy. La first lady per antonomasia che nasce già da una famiglia benestante e di buona famiglia che le permette di portare avanti studi e interessi molto prestigiosi. Si appassiona all'equitazione, all'arte, alla letteratura e alla cultura francese (grazie anche agli studi compiuti alla Sorbona). Tornata in America riesce a trovare subito lavoro come giornalista al Washington Times Herald, e fu proprio grazie al giornale (più precisamente ad un'intervista che le fu assegnata) che conobbe suo marito. John F. Kennedy, figura di spicco nella politica americana, s'innamorò subito della giovane giornalista che sposerà solo due anni dopo. Insieme, da neo sposi, affrontarono la campagna elettorale del marito che ne uscì vincitore come 35° presidente degli Stati Uniti d'America. La coppia festeggiò con un primo figlio che morì dopo soli due giorni ed in seguito con altri due figli. Come first lady, all'inizio, ricevette molte critiche per la sua ricercatezza nel cibo (voleva solo cibo francese cucinato da chef rinomati), nell'abbigliamento e nel mobilio; ma poi finirà per diventare un'icona di moda, stile ed eleganza. Anche all'estero, durante le visite ufficiali del marito, conquisterà sempre tutti i presidenti e ambasciatori stranieri. Il 21 novembre 1963 è una data nera nella storia americana, perchè il presidente J.F. Kennedy verrà assassinato durante una parata ufficiale. La moglie assisterà a tutta la scena e nonostante la drammaticità del momento sarà sempre onorata e ricordata per l'eleganza con cui trattò il lutto. Dopo la morte del marito scomparse dai riflettori, per poi ricomparire al fianco del cognato, Robert, per aiutarlo nell'ascesa alla casa bianca. Purtroppo sarà assassinato anche lui e la povera Jacky si allontanerà dall'America. Farà nuovamente parlare di sé quando sposerà il magnate greco Aristotele Onassis che, grazie al suo patrimonio, le permise di continuare il suo sostenuto stile di vita. Il matrimonio non durò molto e nonostante tutto decisero di non divorziare, anche per l'unione che il greco aveva stretto con i figli della ex first lady. Anche Onasiss morì e Jacky tornò in America dove iniziò a collaborare come giornalista e articolista di moda, professione che l'accompagnò fino ai 64 anni, quandò mori a causa di un linfoma non-Hodgkin. Insomma una donna tutta d'un pezzo che verrà sminuita in un budget salva crisi di massimo 100 euro che ho così provvisto: abito rosa con gonna a campana (H&M, 25euro), cappottino abbottonato color cachi (Gap, 37euro) e cappello senza tesa dello stesso colore (Mango, 32euro). Tanto per sottolineare l'altezza del personaggio ci ho aggiunto due orecchini a perline rosate (Bijoux Brigitte, 7,90euro).
Tot=101,90 (per Jackie permettetemi il sovrapprezzo...)
Il consiglio che vi lascio riguarda il trucco che deve essere necessariamente superficiale un gloss ed un mascara (o una matita per sottolineare e colorare le sopracciglia) sono tutto ciò che vi servano per completare il look.

Jackie Kennedy

Jackie Kennedy by lula6 

Alla prossima settimana (che poi in questo caso sarà sempre questa) e...alla prossima diva

2 commenti:

  1. Questa è una delle tue rubriche che amo di più perch+è mi piace tanto leggere la vita di queste donne!!!!tra cui lei che è un personaggio che amo!LA SCELTA DEI VESTITI E' FAVOLOSA!!!!!!l'abitino e il cappello li voglio ora in questo istanteeeeeeeeeeee!devo tornare da h&m

    RispondiElimina
  2. Strano, tanto ci vai poco da H&M...vero?!

    RispondiElimina